Untitled Document

IL LIBRO

La famiglia di Zebedeo di anna maria dalla torre

Genere: Narrativa (Romanzo)

Percentuali di gradimento:








Lui stava male e certo non c'era piu' speranza. Il suo tempo poteva essere poco: tre mesi, due, forse una settimana. Poi lui non sarebbe stato piu' niente. Non lì perlomeno. La guardava fingendo di non guardarla. Ah, la sua bellezza, le mani di lei, da ragazza, a confronto delle sue mani macchiate, da vecchio... Ora lei stava preparando il tavolino per il the, con gesti che gli sembravano studiati; anche questo gli dava fastidio, la sua calma, la sua attenzione per gli oggetti, le mani dalle unghie curate, i capelli lunghi che le scivolavano graziosamente di lato in una massa densa di luce vitalità, mentre lui si stava così consumando. 

DuDy

E' questa la storia di immigrazione di una famiglia dalla Sicilia a Torino, negli anni '60. A poco a poco, nello snodarsi delle vicende, la storia si tinge di giallo. Torino è diventata Artirana; la Sicilia è "l'isola". Il riferimento preciso ai nomi è stato cancellato per dare alla vicenda un valore piu' esemplare: la difficoltà di vivere, convivere e integrarsi in una realtà lontana da quella delle nostre radici è indipendente dal tempo e dallo spazio. Sono protagonisti, in un affresco corale, i componenti della famiglia di Zebe. Zebe è un

Scarica il Dudy

COMMENTI

Consolanza

"La famiglia di Zebedeo" mi ha acchiappato e mi è piaciuto molto. E' di particolare interesse oggi che l'immigrazione è aumentata così tanto, e suscita tante polemiche, leggere le vicende di un gruppo di immigrati dall'Italia del sud in una grande città del Nord, in un passato recente che magari non tutti ricordano. I personaggi sono molto vivi, le vicende appassionanti proprio perché legate al quotidiano, alla vita che ognuno può riconoscere. Anche la costruzione è sapiente, la struttura incrociata e l'alternanza di punti di vista tiene viva la curiosità e l'attenzione e alla fine trasforma la saga familiare quasi in un giallo, o minithriller.

sergino

Ernesto B:

Viaggio sempre e leggo molto, in aereo e in treno sul mio kindle. 

Di questo libro ho trovato molto intriganti l'architettura, la scrittura accurata e non banale, i bellissimi ritratti femminili. Non un filo di noia.

Da leggere in un fiato!

DuDag TI CONSIGLIA